BAGLIO DI PIANETTO AL VINITALY 2018

Vista sulla tenuta di Baglio di Pianetto



 Baglio di Pianetto si appresta a vivere un nuovo anno di intenso lavoro dove saranno tanti i progetti che trasversalmente punteranno ad accrescere l’appeal del brand, anche in forza al rinnovamento aziendale che, iniziato con l’arrivo in azienda dell’AD Renato De Bartoli, nell’ultimo biennio ha riorganizzato tutti i settori, dall’agricoltura alla cantina, dal marketing alla comunicazione. Oggi Baglio di Pianetto, infatti, dispone di una propria  rete vendita in Italia, direttamente gestita dal management dell’azienda e con risultati, già nel 2017 più che incoraggianti. Con questo scenario alle spalle, quindi, il Vinitaly 2018, rappresenterà uno snodo importante che porterà questa azienda a confrontarsi nei segmenti di mercato più alti, con operatori e consumatori più consapevoli del valore vino di ciascuna bottiglia. “ E’ questo il nostro target nel canale Horeca, soprattutto nel mercato domestico – afferma Renato De Bartoli, AD di Baglio di Pianetto – e con attenzione ci rivolgiamo a questo target di winelover perché sono loro a determinare il successo di un vino o di un’azienda. Baglio di Pianetto è, per questo segmento di mercato, l’azienda ideale con vini, soprattutto nei rossi, che hanno una proiezione temporale medio-lunga, con tempi di affinamento botte/bottiglia importanti prima dell’uscita sul mercato. Noi questo lo consideriamo uno dei punti di forza della nostra identità produttiva”.

Il Conte Paolo Marzotto nella Tenuta di Baglio di Pianetto in Sicilia 

Il Mercato interno

I consumi sul mercato domestico crescono come conseguenza di una rinnovata strategia della rete vendita. In Sicilia si stanno realizzando numeri importanti trainati dall’aumento delle presenze turistiche. Nei prossimi mesi, Palermo vivrà un periodo di grande interesse con gli eventi inseriti nell’anno di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e come sede di Manifesta 12, l’importante biennale itinerante di arte contemporanea che dal 16 giugno vedrà alternarsi nel capoluogo siciliano artisti di fama internazionale provenienti da tutto il mondo. In questo scenario, Baglio di Pianetto metterà in campo una propria strategia, partecipando alla realizzazione di alcuni eventi, che permetteranno di intercettare in maniera originale il flusso dei visitatori che giungeranno da tutto il mondo.  Nei prossimi giorni saranno rese note le prime partnership.

L’AD di Baglio di Pianetto Renato De Bartoli

L’export 

L’analisi della richieste provenienti da specifici bacini, anche grazie al supporto delle figure dei Brand Ambassador, sta contribuendo a rafforzare la presenza di Baglio di Pianetto all’estero supportando lo sviluppo del marchio con vini dalla precisa identità che raccontano al meglio l’evoluzione di una particolare annata. La filosofia produttiva, voluta fortemente dal Conte Paolo Marzotto, infatti mira a immettere nel mercato uno specifico vino solo quando lo si ritiene pronto. Baglio di Pianetto, da questo punto di vista, può vantare con orgoglio di produrre vini cha hanno grande longevità e i punti qualificanti di questo savoir-faire poggiano su un processo di affinamento legno/bottiglia minuzioso, quasi certosino, che danno la possibilità a seconda della destinazione (enoteca, ristoranti gourmet) di immettere sul mercato anche due annate differenti di una stessa etichetta. Nel 2016 l’azienda ha, inoltre, completato il processo di conversione al biologico del proprio intero patrimonio agricolo (circa 160 ha) riuscendo a raccogliere in questo modo anche le richieste di quei consumatori, sempre più variegati e diffusi per il mondo, che vogliono certezze su cosa acquistano e bevono. 

I Monovarietali Bio 

Vinitaly sarà il palcoscenico scelto dall’azienda per il lancio di una nuova collezione: i Monovarietali Bio, vini freschi e piacevoli dalla spiccata connotazione siciliana, sintesi perfetta tra una lavorazione innovativa, che ha dato massimo rilievo alla qualità, e l’attenzione all’eco-sostenibilità dell’intero sistema produttivo Baglio di Pianetto. I Monovarietali Bio sono una selezione composta da sei vini, suddivisi in tre bianchi e altrettanti rossi. I primi, Insolia, Catarratto e Viognier, prendono vita nei vigneti di alta collina della Tenuta Pianetto, a Santa Cristina di Gela, in provincia di Palermo, in un contesto produttivo suggestivo e carico di storia contadina e di natura, propri della Campagna Siciliana. È qui che il gioco tra esposizione, altitudine ed escursioni termiche dà vita a quella combinazione vitigno/terroir esaltata nel calice con freschezza e armonia. I rossi, invece, nascono nella Tenuta Baroni vicino Noto, a pochi chilometri dal mare. L’influenza della ventilazione, tipica del luogo, da un lato protegge in maniera naturale le uve e dall’altro mitiga le alte temperature che possono essere raggiunte durante le settimane più calde . Nei vigneti di Syrah, Nero d’Avola e Frappato, il gioco delle escursioni termiche tra giorno e notte  incide sulle peculiarità delle uve, soprattutto nel rapporto polpa/buccia. I vini Monovarietali Bio, di grande piacevolezza e connotati da una forte identità, sono dedicati ai giovani consumatori sempre attenti alle nuove tendenze e ai gusti più ricercati ma anche a quei winelovers più esperti che desiderano scoprire questa produzione dove natura, varietà e territorio sono elementi distintivi. Ma a Verona ci sarà spazio e tempo per assaggiare anche tutti i vini delle altre collezioni. Focus specifici da parte del team aziendale presente ai banchi di assaggio saranno dedicati ad alcune etichette icona di Baglio di Pianetto, a partire dai bianchi Ficiligno, blend di Insolia e Viognier, dalla fascinosa trama minerale, e Timeo, Grillo in purezza di grande eleganza, e poi i rossi Shymer, armonico blend di Shyraz e Merlot, Ramione, da uve di Merlot e Nero d’Avola, e Cembali, Nero d’Avola in purezza



Abbonamento annuale Image Banner 728 x 90

Leave a comment

Your email address will not be published.


*