Il programma di RestArt per il 30 e 31 luglio

Villa Chiaramonte Bordonaro ai Colli


Banner DE mese 468x60

Continuano le visite organizzate da Restart, il festival che apre in notturna alcuni tra i siti più suggestivi della città. Tutto esaurito per le visite organizzate a palazzo Gangi così come quelle per “Le notti delle Streghe” alle Carceri dei Penitenziati nel complesso monumentale dello Steri e per il percorso speciale guidato dagli storici dell’arte a Palazzo Butera; sono state quindi aggiunte nuove date il 30 ed il 31 luglio per il Teatro Massimo, il 17 agosto per “Le notti delle Streghe” ed il 28 agosto per Palazzo Gangi.

– Venerdì 30 luglio, dalle 19 alle 24 (15 pax ogni ora – biglietto: 3 euro) ultima riapertura eccezionale deMuseo della Specola (piazza del Parlamento, 1) all’interno dell’Osservatorio Astronomico, sulla cima della Torre Pisana del Palazzo Reale di Palermo.

Il Museo della Specola comprende una ricca collezione di strumenti astronomici, cui si affiancano orologi, strumenti meteorologici e topografici, apparati di fisica e di geomagnetismo.La collezione è ospitata nei locali dell’antica Specola palermitana, fondata nel 1790, e raccoglie il patrimonio strumentale accumulatosi nel corso degli oltre duecento anni di attività dell’Osservatorio. Gioiello della collezione è il celebre Cerchio di Ramsden, strumento unico per tipologia e qualità, col quale Giuseppe Piazzi scoprì il primo asteroide, Cerere, nel 1801. Lo strumento è stato restaurato e ricollocato nella sua posizione originaria, nella stanza circolare. La galleria degli strumenti mobili ospita invece le vetrine originali, disegnate da Leon Dufourny, che contengono gli strumenti portatili, insieme a vetrine moderne con strumenti di datazione più tarda.Tra questi, di particolare interesse sono gli strumenti appartenuti al Principe Giulio Tomasi di Lampedusa, che corredavano il suo osservatorio privato nella villa ai Colli, appena fuori Palermo.La sala meridiana, in stile neogotico, dalle ‘boiseries’ disegnate da Giovambattista Filippo Basile, ospita invece un Cerchio meridiano di fabbricazione tedesca risalente alla prima metà dell’Ottocento.Infine, nella sala del rifrattore è collocato il grande telescopio equatoriale Merz, anch’esso risalente alla metà dell’Ottocento, di recente restaurato, con il quale Pietro Tacchini, tra i primi in Italia, eseguì importanti studi spettroscopici sul sole a partire dal 1871 (da: https://www.beniculturali.inaf.it/musei/palermo/)

– Venerdì 30 alle 18 a Villa Niscemi torna la Prof. Maria Antonietta Spadaro per raccontarci la storica figura di Charlotte di Francia e del suo ritratto, incredibilmente finito a Palermo, del suo ritrovamento e del suo nuovo, opportuno allestimento all’interno della villa.

– Venerdì 30 luglio il quarto incontro dedicati a “I mestieri dell’arte”  sulle terrazze di Palazzo Abatellis,  (via Alloro, 1) alle 21 (biglietto: 3 euro) Roberto Andò, regista di cinema e di teatro, dialogherà con la giornalista Rosa Guttilla sull’arte di fare cinema. L’incontro  si concluderà con una piccola degustazione di prodotti tipici offerta da InSicilia.

– All’interno della magnifica cornice della Martorana, venerdì alle 21,15 si esibirà il Coro “Svete Tikhij” diretto dal Maestro Irina Nedoshivkina Nicotra che terrà il Concerto narrato “Dalla terra al cielo. Il canto liturgico dell’oriente cristiano” La Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio – conosciuta anche come  “Martorana” – sarà la cornice del concerto di canti liturgici ortodossi del Coro “Svete Tikhij”.

L’ensemble, diretto dal Maestro Irina Nedoshivkina Nicotra, nasce nel 2014 come coro parrocchiale della chiesa di S. Alessandro di Comana del Patriarcato di Mosca a Palermo. Il suo compito principale era l’ufficio liturgico della comunità russo-ortodossa palermitana. Anno dopo anno, il coro Svete Tikhij è andato oltre la propria vocazione iniziale.  Sono entrati nuovi membri interessati al canto liturgico delle Chiese d’Oriente ed è stata avviata un’attività concertistica il cui scopo è diffondere la conoscenza della musica liturgica di tradizione ortodossa.

.Venerdi 30 e Sabato 31 luglio

Casa Florio  – I Quattro Pizzi –

Mostra: FRANCA FLORIO, IL BOUDOIR RITROVATO   – ORARI: 18 – 23

(COSTO DEL BIGLIETTO 7 EURO ONLINE – 8 EURO IN LOCO)

Fino al 14 agosto ( ogni venerdì e sabato dalle 18 alle 23 ) potrà essere visitata la mostra dedicata al mondo della navigazione dei Florio. Verranno esposti nel salone della Palazzina dei Quattro Pizzi la chiffonnier e lo specchio con il set da toletta che costituivano originariamente parte degli arredi all’interno della camera da letto personale di Donna Franca Florio sul meraviglioso Yacht Aegusa, di proprietà dei coniugi Florio negli ultimi anni dell’Ottocento. Vere e proprie regge galleggianti dotate di ogni comfort, gli yacth dei Florio rappresentavano uno degli status symbol della famiglia. L’Aegusa, trasposizione dal greco di Favignana, misurava 85 m e non aveva eguali in Italia, in quanto era il più grande dei venti yacht a vapore registrati nel Regno. Celebrato per la sua sontuosità, i suoi interni disponevano di un grande salone, una sala da pranzo, un fumoir, cabine per gli ospiti e “gabinetti di toeletta”.

Il Sultana era l’Ammiraglia della flotta da diporto di Ignazio Florio Jr, misurava 56 m ed era dotata di tre alberi con velatura a goletta. La sua prima tratta fu Palermo-Livorno nel Febbraio del 1893, in occasione del matrimonio tra Ignazio e Franca.

In mostra anche i barometri a bordo dell’Aegusa e del Sultana: si trattava  di strumenti di misura della pressione atmosferica usati nell’ambito della meteorologia per rilevare dati utili per le previsioni del tempo. Quello appartenente all’Aegusa è realizzato in legno di mogano ed è intagliato con elementi in avorio e ottone.

Oltre a questi cimeli legati ai navigli privati della famiglia, sarà possibile ammirare il ritratto dell’unico figlio maschio di Ignazio junior, detto Baby boy.

Il ritratto, per la prima volta esposto al pubblico e di cui non si hanno notizie circa la data di realizzazione, è un pastello su cartoncino realizzato dal pittore Michele Cortegiani.

Venerdi 30 e Sabato 31 luglio:

Dalle 19.30 alle 24, sarà possibile visitare all’oratorio dei Bianchi  (piazzetta dei Bianchi) “La Statua del Re” realizzata da Procopio Serpotta nel 1727, per 20 anni lasciata nei depositi del polo di palazzo Abatellis, oggi restaurata grazie all’iniziativa dell’associazione Amici dei Musei siciliani con il sostegno della Fondazione Sicilia e il Consorzio Pragma che ha curato il restauro.

 – RELUCEO” – VIDEO INSATALLAZIONE – Oratorio di San Mercurio (alle 21) (Cortile S. Giovanni degli Eremiti, 2)  – visitabile tutti i weekend di luglio e agosto

La video Installazione “Reluceo” dell’artista Dario Denso Andriolo veste il magnifico Oratorio di San Mercurio di luci e proiezioni. Uno spettacolo multimediale che unisce la storia alla modernità per una fruizione innovativa del bene storico-culturale.Una video installazione che, come una scultura di luce, avvolge lo spazio facendo scivolare il fruitore in una dimensione sensoriale pervasiva, ipnotica ed emozionante. L’opera di Andriolo trae ispirazione, con il suo impatto emozionale, dalle torture e dalle miracolose guarigioni di San Mercurio, coniugando le leggende del passato con le tematiche della contemporaneità in un’esperienza percettiva fortemente magnetica. L’audio prodotto da Gianni Gebbia e Vito Gaiezza, che suona l’organo dell’oratorio recentemente restaurato dagli Amici dei Musei Siciliani, contribuisce a generare nell’ambiente un effetto di sospensione temporale catalizzando l’attenzione sulla nostra presenza fisica all’interno dello spazio. Il sensibile e l’intellegibile si mescolano all’interno di uno spazio decorato della bottega Serpotta instaurando un’intesa tra spazio e luce. Luce e suono, infatti, rappresentano da sempre gli stimoli sensoriali più adatti a tradurre la suggestione della presenza in terra di una dimensione divina.

 Venerdi 30 e Sabato 31 luglio:Palazzo Mirto – L’incanto di Orlando

tra Pupi, attori, e canti

  • A cura della famiglia Argento, storica famiglia di pupari, inizia con la narrazione dell’intro dell’Orlando Furioso e un monologo di un’attrice sino alla battaglia tra Orlando e Rinaldo impersonati da i pupari Nicolò e Dario Argento, che vestono le armature fuori scena. Durante la battaglia il narratore racconta le gesta dei due cavalieri che tra i tanti battibecchi si viene a creare una vera e propria lotta, sempre per contendersi la bella Angelica.
  • Con il canto de “I pirati a Palermo” una seconda narrazione introduce la battaglia in scena dei pupi.
  • Al termine con un monologo si tolgono i pupi morti dal campo, ma nel frattempo Angelica fugge dal campo e si ritrova in un bosco dove Medoro, un cavaliere pagano, è riverso ferito per terra, lei lo cura, trovano rifugio in una grotta dove un pastore gli da ospitalità, così i due si innamorano, ma nel frattempo Orlando cerca disperatamente Angelica e quando si accorge che lei si è innamorata di un altro uomo impazzisce. Così entra in scena Astolfo che guidato da un ippogrifo alato va fin sulla luna a riprendere il senno dell’amico Orlando, li tra tante peripezie riesce a trovarlo e lo porta sulla terra e quando Orlando lo respira torna in se e così sono pronti per ripartire per altre avventurose battaglie in difesa della corona di Carlo Magno.
  • Termina con un monologo dell’attrice Falbo e un canto del maestro Cusumano

Venerdi 30 e Sabato 31 luglio

Al Loggiato dell’Incoronazione di Palermo  (via dell’Incoronazione, 11) alle 19.30, è possibile visitare nella Cappella dell’Incoronazione, la personale “Morte – Death” dell’artista Reinhard Zich, a cura di Günther Oberhollenzer, curatore della Galleria della Bassa Austria, Museo d´arte di Krems. La mostra presenta al pubblico le grandi tele che l’artista austriaco ha realizzato nel corso della sua residenza a Palermo, dipingendo negli spazi adiacenti di Palazzetto Agnello. Questi lavori dialogano e trovano ulteriore forza e suggestione nello spazio fortemente evocativo della storica Cappella di età ruggeriana.

– Sabato 31 inizia con i “5 minuti” soli con un’opera di palazzo Abatellis, unico evento che si svolge di mattina, a museo chiuso tra le 8 e le 9, coccolati dalla prima colazione offerta dalla Cioccolateria Lorenzo;

– alle 19 ed alle 21,30 avremo la visita esclusiva a Villa Bordonaro ai Colli della più importante quadreria privata della città, raccontata dallo storico dell’arte Claudio Gulli che presenterà in questa occasione la sua inedita pubblicazione dedicata a questa importante collezione ;

– Agli stessi orari 19 e 21,30 per permettere l’eventuale doppia opportunità vista la vicinanza dei luoghi, alla Palazzina Cinese verrà rappresentata la divertente teatralizzazione “Ferdinando e Carolina”,  a cura delle stesse ragazze che recitano “La notte delle Streghe” ogni martedì alle Carceri dello Steri, che svelerà il dietro le quinte della vita di corte ed i veri rapporti tra il Re e la Regina attraverso i loro gustosi siparietti.  “Ferdinando e Carolina” è una visita guidata teatralizzata messa in scena dalle guide turistiche dell’associazione culturale Amici dei Musei Siciliani che impersonano il Re Ferdinando e la Regina Maria Carolina. I due sovrani accoglieranno i visitatori alla scoperta della loro nobile dimora descrivendone le bellezze degli arredi e delle scelte decorative. Conducendo gli ospiti attraverso i magnifici ambienti, vengono raccontate, con tono spesso ironico, storie, aneddoti, abitudini e pettegolezzi della corte borbonica estrapolati da lettere, pubblicazioni e documenti d’archivio appositamente studiati e approfonditi. I visitatori “ospitati” dai due sovrani, avranno modo di conoscere in maniera diversa, gli splendori custoditi all’interno del monumento attraverso il racconto diretto dei padroni di casa, o per meglio dire della Real Casina alla Cinese. Un modo diverso di raccontare quello che era il sollazzo regio della famiglia reale fuggita da Napoli assieme alle casse di arredi che furono ridistribuiti nelle dimore siciliane. Il fascino dei giardini, l’oriente che strizza l’occhio al neoclassicismo, l’eclettismo asburgico che sposa lo scaramantico modo di vivere del Borbone Ferdinando, il tutto prende vita all’interno di un monumento simbolo di una Palermo da scoprire .

Di seguito, gli altri siti visitabili :

(Biglietto: 3 euro per ciascuna visita. Ingressi e prenotazioni su www.restartpalermo.it, scegliendo precisi slot orari, secondo le indicazioni di ciascun sito).

Chiesa di Santa Caterina
Cupola di Santa Caterina
Cappella del Raffaello allo Spasimo

Archivio comunale
Palazzo Abatellis
Palazzo Mirto
Cuba

Necropoli punica

Loggia dell’Incoronazione
Palazzo Branciforte
Villa Zito
Teatro Massimo

Oratorio dei Bianchi
Chiesa della Catena
Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti

Palazzina Cinese

Oratorio di S.Lorenzo

Oratorio di S.Mercurio

Oratorio di S.Cita

Oratorio del SS.Rosario in S.Domenico

 



banner Tuttopiù anno 300x250

Leave a comment

Your email address will not be published.


*