Rodo Santoro “Il tesoro nella pignata. Storie di cucina meridionale”



Banner DE mese 468x60

Se vi ha sfiorato l’idea del perchè si dovrebbe leggere questo libro considerate che è completamente diverso da quelli che si trovano in commercio. L’autore propone un viaggio attraverso i secoli e le culture per parlare di cibo e delle sue trasformazioni fino ad arrivare alle pietanze che fanno ormai parte della nostra tradizione gastronomica.

«Mi ha sempre incuriosito il nesso che può esistere fra un evento storico, o una testimonianza letteraria antica, e la nascita di una pietanza particolare o, ancora, la rivelazione che quella pietanza esisteva in una determinata epoca, magari in una sua forma originaria più semplice o diversa da come la conosciamo oggi. Per questo ho scelto, in parte, di scrivere questo libro ricorrendo a una forma narrativa che intreccia fra loro l’evoluzione storico-politica della nostra società meridionale e lo sviluppo delle nostre gastronomie regionali relative.

La civiltà di un popolo la si può anche misurare dal cosa mangia e dal quanto  mangia. Infatti un saggio ha potuto dire: Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei. La nostra cucina “di tradizione” è antichissima. […]

L’ambizione di questo libro è quella di coniugare la storia di questa tradizione culinaria con la storia sociale e politica di quello che fu il più antico e più grande Stato italiano pre-unitario, cioè il Regno delle Due Sicilie».

Il viaggio gastronomico di Rodo Santoro – illustrato dall’autore stesso con delle tavole grafiche a tecnica mista che raffigurano alcune pietanze come appartenenti a un mondo di favola – parte dalla Sicilia, la più grande isola del Mediterraneo, e proseguirà poi con Napoli e il Meridione.

La città del Vesuvio ebbe infatti – come ben raccontano le ricche e appetitose pagine di questo volume – la ventura, dalla seconda metà del Duecento in poi, di divenire il più grande crogiuolo urbano d’Italia nel quale si intrecciarono e si mescolarono tutte le tradizioni gastronomiche del Meridione d’Italia.



banner Tuttopiù anno 300x250

Leave a comment

Your email address will not be published.


*